lunedì 31 gennaio 2011

Imbolc

Imb-folc che in irlandese significa "grande pioggia" o Imbolg che significa "in grembo" o Oilmec che significa "latte ovino" è la festa del 1 febbraio che rappresenta il punto centrale tra il solstizio di inverno e l'equinozio di primavera, la festa del culmine dell'inverno che inizia al tramonto della sera precedente e che è la purificazione dalle asperità dell'inverno, la promessa dell'arrivo della primavera, la festa legata alle pecore che in questo periodo dell'anno partoriscono i loro agnelli e producono il latte con il quale si ottiene burro, formaggio, siero di latte, e dalle code degli agnelli una specie di pasticcio, tutti prodotti che integrano le ormai misere scorte invernali e riescono a far affrontare i rimanenti giorni di freddo pungente.




In questo giorno si celebra Brigit il cui nome deriva da "breo" che significa fuoco,  la dea della luce e del triplice fuoco:
1 il fuoco dell'ispirazione, in quanto patrona della poesia
2 il fuoco del focolare,  in quanto patrona della guarigione e della fertilità
3 il fuoco della forgia, in quanto patrona dei fabbri e delle arti marziali


Alla dea Brigit, figlia del dio Dagda, sono associati tre oggetti: 
1 la ruota del filatoio come simbolo del centro del cosmo che è in continuo movimento
2 lo specchio  attraverso il quale si scorge l'altro mondo e attraverso il quale gli iniziati vi hanno accesso
3 la coppa, simbolo del grembo della dea, attraverso cui tutte le cose nascono.
Il suo animale totemico è il serpente o il drago simbolo dello spirito della terra e delle forze di crescita, decadimento e rinnovamento intrinseche nella natura, alla festa di Imbolc il serpente si risveglia per dare ai contadini il preavviso della fine della cattiva stagione e l'inizio di quella buona.
Sembra che la tradizione dica che nella "Madre del grano" , i semi dell'ultimo covone di grano, di avena, di orzo o altro cereale mietuto nel raccolto dell'anno precedente risieda lo spirito del grano che riprende vita attraverso la nuova semina  e in un ciclo infinito di   rinascita e morte trasforma la vecchia divinità dell' autunno e dell'inverno, Cailleach, nella giovane divinità della primavera e dell'estate, Brigit.
In Scozia e in Irlanda esistono dei riti per cui:
Durante la vigilia di Imbolc, le donne costruiscono con le spighe d'avena un pupazzo che rappresenta Brigit, lo vestono con abiti femminili e nei pressi di un focolare, lo pongono in una cesta che prende il nome di "letto di Brid", a fianco a questo cesto pongono un bastone di forma fallica e gridano: "Brid è arrivata, Brid è benvenuta!"  Accendono delle candele o delle torce che lasciano consumare per tutta la notte e il mattino seguente, se le ceneri del focolare portano l'impronta del bastone, le donne traggono presagi di prosperità perchè il potere fecondante si è unito alla dea.
Con i rametti di giunco invece si preparono le croci di Brigit, come simbolo della ruota solare,  si incrociano due rametti formando quattro bracci uguali, rinchiusi poi in un cerchio, quelli preparati l'anno precedente si bruciano e questi nuovi si conservano fino all'anno successivo.

Rispetto al tempo meteorologico del primo febbraio esiste una leggenda per cui sembra che in questo giorno Cailleach raccolga legna per il resto dell'inverno, se lei vuole che l'inverno duri ancora a lungo  in questo giorno farà risplendere il sole, per raccogliere più legna possibile, se invece vuole che l'inverno finisca, il giorno sarà pessimo e lei si riposerà.  

Chiunque voglia conoscere la controparte discendente di Imbolc clicchi su Lughnasadh


© Sciarada Sciaranti

12 commenti:

  1. Ora posso finalmente dire di conoscere bene questa festa che ci promette l'arrivo della primavera, molto tenere le immagini che hai proposto.

    RispondiElimina
  2. Beautiful images!

    A great week for you and your family!

    RispondiElimina
  3. E' solo grazie a te se ora posso dire di conoscere questa ricorrenza, grazie! un abbraccio

    RispondiElimina
  4. ...quante cose si imparano spulciando in giro....!!!
    Grazie, dolce Sciarada

    RispondiElimina
  5. It's good to know that we are going towards spring as from tomorrow. It's hopeful.

    RispondiElimina
  6. sarà una di sole splendente ma l'inverno durerà poco lo stesso...

    RispondiElimina
  7. They are really cute, nice photos!

    RispondiElimina
  8. Hi Sciarada :)
    The little one is so cute!!
    Very nice captures!
    Have yourself a wonderful week :)

    RispondiElimina
  9. Che bella questa leggenda. Mi sembrano leggende nordiche, celtiche. O mi sbaglio?
    E sono tenerissimi gli animali delle tue bellissime foto.

    RispondiElimina
  10. Non ti sbagli Ambra, l'origine è celtica.

    RispondiElimina
  11. What a lovely set of 'mother and child' shots. So cute!

    RispondiElimina
  12. Maghetta la mia amica bella! ❤

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...