lunedì 16 gennaio 2017

Il mistero del sasso caduto nell'acqua del lago

" ... La mia montagna era invece un'isola alzata sul mare, abitata dalle foreste e dalle fiere. Il vento stroncava, ma la casa era sicura. Le querce che i padri raccomandano ai figli come una testimonianza di Dio, di gennaio avevano le rame come serpenti irrigiditi dal freddo, ma di maggio ogni albero aveva le sue braccia spiegate all'impetuoso flutto azzurro, con un fiore in cima. Il rombo del mare faceva compagnia, riempiva di sé ogni cavità, come un'immagine aerea dell'acqua. Nessuno sbarcava mai sulla terra. Le navi passavano al largo come fantasmi. Ora, come fu che la mia solitudine cominciò a rugarsi come l'acqua di un lago se vi cade un sasso?  ... "

L'ultima soglia
Nicola Moscardelli


La vita invita al ballo del moto perpetuo tra foreste, fiere e intemperie in un ciclo di morte e rinascita dove i confini tra terra e mare si confondono, all'improvviso l'imprevisto... cade un sasso che propaga nuovi ritmi e sconvolge il già fragile equilibrio conquistato. E' stata la stessa vibrazione innescata dal ballo a far cadere il sasso o un'entità sconosciuta e misteriosa che cambia musica ? E' stato l' effetto di una causa o di una casualità e in un caso e nell'altro è arrivato da fuori o da dentro? 

Ecco... questo per augurarvi il buongiorno del lunedì mattina con latte, caffè, tè e biscotti  !😏💖

12 commenti:

  1. Caspita!!! Questo non è un pensiero da lunedì... è roba da venerdì sera, quando si è troppo stanchi per difendersi dagli scrittori.

    RispondiElimina
  2. Gentilissima come sempre in una dolcezza inconfondibile
    Buon giorno a te Sciarada.s.a.n@gmail.com colmo di sorrisi
    Maurizio

    RispondiElimina
  3. Cara Sciarada, come sempre i tuoi post sono interessanti e ci fanno conoscere cose nuove.
    Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Grazie per avere arricchito la mia colazione mattutina :-)
    Felice giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  5. Un po' di musica per le mie orecchie che al lunedì pomeriggio sono già stanche...

    RispondiElimina
  6. café..latte...et aspirina! :)))) baci...

    RispondiElimina
  7. Buona settimana anche a te,Sciarada.Ci si può svegliare un lunedì freddo,di questi tempi e sperare che tutto resti immobile ed inalterato,ma sappiamo già..niente è immutabile ed ogni equilibrio è precario.

    RispondiElimina
  8. Cara Sciarada, leggerti è sempre un piacere :-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Quel sasso...casualità, destino, mano umana ?

    RispondiElimina
  10. Certe volte è troppo movimentato!!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...