martedì 6 giugno 2017

Lima la strana città triste


Piazza delle Bandiere - Lima

La cultura, la storia, la struttura e la topografia sono elementi distintivi che caratterizzano ogni città e ne determinano la definizione associata al nome, per cui così come Roma è Roma caput mundi, Praga la città d'oro, Parigi la città delle luci, New York la grande mela, Lima è conosciuta comunemente come la strana città triste, a dirlo per la prima volta fu Hermann Melville nel 1851 in Moby Dick ed esattamente nel capitolo in cui fa la sua brillante discriminazione sul color bianco si legge:

" ... E non è soltanto il ricordo dei terremoti distruttori di cattedrali, né gli stampedi del suo mare pazzo, né la mancanza di lacrime dei cieli aridi da cui non scende mai pioggia, né la vista della sua immensa distesa di guglie contorte, di coronamenti strappati, di croci che pendono come i pennoni ripiegati di flotte all'ancora, né i viali suburbani di mura che posano l'uno sull'altro come un mazzo di carte sparse, non sono soltanto queste cose che fanno di Lima arida la città più strana e più triste che ci sia. Perché Lima ha preso il velo bianco; e c'è un orrore più grande in questa bianchezza del suo dolore. Antica come Pizarro, questa bianchezza mantiene sempre fresche le sue rovine; non ammette il verde gaio della decadenza completa, e sparge sui bastioni diroccati il pallore rigido dell'apoplessia che paralizza le sue stesse distorsioni ... "


Fiume Rìmac

Melville la ritiene dunque arida, strana, triste, presa dal velo bianco e nonostante sia passato un po' di tempo io oggi sono d'accordo con lui. La città dei Re, chiamata originariamente così perché secondo la leggenda il luogo della sua fondazione fu scelto il 6 gennaio giorno dell'Epifania in cui si celebrano i Re Magi, cambia successivamente il suo nome in Lima riferendosi nella lingua degli aymara a un lima-limaq - fiore giallo tipico del territorio o nella lingua dei quechua al rimaq - parlatore, il fiume Rímac che da il nome alla valle nella quale fu costruita a partire dal 16 gennaio 1535 da Francisco Pizarro. Lima è quindi una città spagnola dell'America del Sud in cui si consolida il sincretismo tra i conquistatori cristiani e i popoli indigeni pagani.


Nel 1988 il suo centro storico entra a far parte del Patrimonio dell'Umanità. I suoi palazzi in stile coloniale sono impeccabili, i balconi di legno sono l'incantevole esempio di un'arte ormai perduta, ma da maggio a ottobre ha il cielo sempre coperto e non si vedono le stelle, il legame tra gli antichi Incas, la Croce del Sud e  le Pleiadi è così spezzato, inoltre  le garúas - le nebbie causano una fastidiosa umidità che ti si appiccica addosso.


Fiaccola dello Stadio Nazionale


Comando Congiunto delle Forze Armate


Museo storico militare di Lima - Centro Studi Militari


Busto dell'ex presidente peruviano Belaunde Terry con alle spalle il MALI - Museo d'Arte di Lima


Palazzo di Giustizia - Corte Suprema


Piazza Perù


Interno dell'ufficio di posta e telegrafo risalente al XIX secolo  


Casa della Letteratura Peruviana ex stazione ferroviaria costruita nel 1912


Calle De Pescaderia è la via dove si trova la Casa del Rastro e conduce alla Chiesa e al Monastero di San  Francesco. I rettangolini numerati e colorati sulla destra rappresentano i vari strati di pittura stesi su quella originale che doveva essere grigia.


Sulla sinistra in bianco la Casa del Rastro sede dell'Ufficio storico della Municipalità di Lima e in fondo il campanile del Monastero di San Francesco


Campanili della Chiesa di San Pedro realizzata su commissione della Compagnia di Gesù tra il 1568 e 1638



12 commenti:

  1. Cara Sciarada, che post bellissimo, direi in vero documento, non posso che ringraziarti do vero cuore.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Che belle foto !! Non conosco Lima e , quindi, non so dire se è giusto o meno chiamarla "città triste" , mi sembra una città interessante da visitare. Un saluto

    RispondiElimina
  3. Stupendo ed esaustivo reportage fotografico e storico di questa città.
    Grazie.
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  4. Non sono mai stato a Lima (in realtà, non sono mai stato proprio in America, il che è un grande "cruccio" per me), attraverso le tue foto e le spiegazioni e curiosità che le accompagnavano, però, è stato comunque un bel viaggio :)

    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  5. Bellissimo post molto interessante soprattutto per me che non conosco Lima. E' stato un grande piacere rileggerne la descrizione che ne fa Melville.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
  6. Eh no senza le stelle nun se po' fa!

    Patrizia

    RispondiElimina
  7. un voyage aussi pour moi, merci...

    RispondiElimina
  8. Complimenti Sciarada un bel viaggio
    Buon fine settimana
    Il mio abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  9. Complimenti Sciarada un bel viaggio
    Buon fine settimana
    Il mio abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...